Fino a che punto siamo in grado di distinguere i fatti dalle opinioni? Da un lato notizie che possono essere provate o smentite da prove oggettive. Dall’altro notizie che riflettono in maniera esplicita unicamente i valori, le credenze e le opinioni di chi le esprime.

Alla domanda ha risposto una recente ricerca del Pew Research Center su un campione rappresentativo della popolazione statunitense.

Perché riuscire a distinguere tra notizie basate su fatti e notizie basate su opinioni è importante? Perché i nostri atteggiamenti, le nostre opinioni, i nostri comportamenti sono influenzati dalle conoscenze e dalle informazioni che abbiamo. E confondere i fatti con le opinioni ha certamente implicazioni significative a livello sociale.

La ricerca ha misurato l’abilità nel distinguere tra cinque affermazioni fattuali e cinque incentrate su opinioni. La maggioranza degli statunitensi ha identificato in maniera corretta tre delle cinque affermazioni di ognuna delle due categorie. Se ci pensiamo bene si tratta di una percentuale attorno alla media che si può ottenere con risposte a caso.

Solo il 26% ha individuato tutte e cinque le notizie basate su fatti e il 35% sulle opinioni. Il 24% ha individuato 4 notizie fattuali o opinioni. Il 28% ha riconosciuto solo due o meno notizie basate sui fatti e il 22% sulle opinioni.

Quindi un quarto degli statunitensi non distingue tra notizie basate sui fatti e notizie basate sulle opinioni e solo metà della popolazione le riconosce con una sufficiente approssimazione.

Questa è la media statistica.

Ma quali sono le variabili che ci permettono di capire più in profondità perché una persona riesce a fornire più risposte corrette rispetto ad un’altra?

In questo studio le principali variabili individuate sono: consapevolezza politica, competenza digitale, appartenenza politica, fiducia nell’informazione, interesse nell’informazione.

Chi ha una maggiore consapevolezza politica identifica in maniera più corretta le informazioni basate su fatti e quelle basate su opinioni.

Teniamo conto che per Pew Research Center il 34% della popolazione ha una elevata consapevolezza politica, il 38% moderata e il 28% bassa.

Tutte e cinque le frasi fattuali sono state riconosciute tali dal 36% di chi ha elevata consapevolezza politica e dal 17% da quelli con bassa consapevolezza; il 24%, moderata. Il 45% di chi ha bassa consapevolezza ha fornito due o meno risposte corrette.

Una differenza analoga, seppure meno marcata, per le informazioni basate su opinioni. Tutte e cinque sono state riconosciute in maniera corretta dal 45% di chi ha alta consapevolezza politica e dal 29% da chi ne ha bassa. Moderata, 29%.

Chi ha una maggiore competenza digitale distingue meglio le informazioni basate su fatti dalle informazioni basate su opinioni.

Il 35% e il 44% di chi ha maggiore competenza digitale distingue correttamente rispettivamente le cinque notizie basate su fatti da quelle basate su opinioni. Queste proporzioni scendono al 13% e al 21% tra chi non ha competenze digitali.

Chi ha maggiore fiducia nell’informazione distingue in maniera più corretta le informazioni basate su fatti e quelle basate su opinioni.

Il 39% e il 44% di chi ha fiducia nelle testate informative nazionali distingue correttamente rispettivamente le cinque notizie basate su fatti e quelle basate su opinioni. Chi non ha fiducia nei media fatica molto a distinguere le notizie basate su fatti, 18%, e meno quelle basate su opinioni, 30%.

Il maggiore interesse nell’informazione non incide significativamente sulla capacità di distinguere tra notizie basate su fatti o su opinioni.

Una differenza, più esigua, esiste sul riconoscimento delle notizie fattuali: 32% tra chi è interessato e 24% tra chi non è interessato alla informazione. La situazione si ribalta sulle informazioni basate sulle

opinioni: sono riconosciute in maniera corretta dal 36% dei molto interessati e dal 39% dei disinteressati.

L’appartenenza politica porta a classificare come fattuali le informazioni che favoriscono la propria parte politica, indipendentemente dall’essere basate su fatti o su opinioni.

Pur se sono state individuate differenze rispetto alla preferenze partitiche (il 78% dei democratici ha classificato correttamente almeno tre delle affermazioni fattuali rispetto al 68% dei repubblicani) le differenze significative sono state riscontrate quando queste affermazioni si avvicinavano o sovrapponevano alle posizioni politiche dei partiti di riferimento.

Per esempio, l’affermazione “Il Presidente Obama è nato negli Stati Uniti”, che può essere percepita come più vicina a opinioni politiche di sinistra piuttosto che di destra, è stata identificata come basata su fatti dall’89% dei democratici e dal 63% dei repubblicani. All’opposto il 37% dei democratici ha classificato come fattuale (rispetto al 17% dei repubblicani) una notizia basata su una opinione vicina a posizioni di sinistra: “Aumentare il salario minimo federale a 15 dollari l’ora è essenziale per la salute dell’economia statunitense”.

A chi rispondeva che certe affermazioni erano fattuali veniva poi richiesto se le ritenevano accurate o meno. La stragrande maggioranza di chi ha classificato le affermazioni come fattuali –indipendentemente dal fatto che lo fossero realmente- le ha ritenute esatte. Il che ci porta a credere che la presenza di prove oggettive rispetto a certe affermazioni ci porta a credere non solo che quelle affermazioni si basano su fatti, ma che si basano su fatti riportati con esattezza.

Quando gli americani vedono una notizia come fattuale, la stragrande maggioranza la ritiene esatta. Ciò vale per entrambe le dichiarazioni, che sono state correttamente e erroneamente identificate come fattuali, anche se piccole porzioni del pubblico hanno definito le dichiarazioni sia fattuali che inesatte.

Quando gli americani hanno classificato erroneamente le affermazioni fattuali come opinioni, il più delle volte sono in disaccordo con l’affermazione. Tuttavia, nel classificare correttamente le opinioni in quanto tali, gli americani hanno espresso più di un mix di consenso e disaccordo con la dichiarazione.

Il ruolo della formazione ha una chiara incidenza: a maggiore livello di istruzione corrisponde maggiore capacità di individuare correttamente le affermazioni fattuali e le opinioni con proporzioni simili alla consapevolezza politica e alla competenza digitale.

I ricercatori rilevano, però, che la consapevolezza politica e la competenza digitale hanno un’influenza che va al di là dell’istruzione. Considerando le persone di tutti i livelli di istruzione è la consapevolezza politica che maggiormente influenza la capacità di classificare correttamente le affermazioni. Rispetto alle competenze digitali, che abbiamo visto essere una variabile influente, più che il livello di istruzione è l’età che influisce sulla capacità di classificare in maniera corretta le affermazioni. Questa capacità decresce dai cinquant’anni in su.

In un contesto in cui il consumo di informazione è sempre più multipiattaforma, frammentato e veloce questa scarsa capacità di distinguere le informazioni fattuali dalle opinioni deve fare riflettere. La ricerca individua anche quali sono le variabili –in primo luogo la consapevolezza politica e la competenza digitale- su cui si può operare per aumentare la capacità di classificare le informazioni con cui entriamo in contatto.